Artrosi, artrite e necrosi avascolare

Esistono diverse patologie degenerative della cartilagine del ginocchio e della caviglia.

L'artrosi o l'osteoartrosi è una patologia degenerativa della cartilagine a carattere evolutivo, che si manifesta soprattutto nelle persone anziane e, frequentemente, negli individui con una predisposizione familiare legata a questa patologia. Si tratta di una usura progressiva della cartilagine che si sviluppa nell’arco di parecchi anni. La cartilagine non è rifornita di sangue e non ha capacità riparative quando lesionata, per cui si consuma e si creano rotture, ulcerazioni ed anche erosione della cartilagine fino all’osso sottostante. Quando l’osso è esposto, spesso si ha un incremento del dolore; lo sfregamento delle superfici ha come risultato l’infiammazione e lo sviluppo di osteofiti ("speroni" ossei). Nel corso del tempo l'artrosi può portare alla deformità dell’arto inferiore, in varo o in valgo, a causa di un’alterazione della distribuzione del peso sull’articolazione, che contribuisce ad aggravare la degenerazione.

Questo processo degenerativo è spesso accelerato da fattori come obesità e malattie infiammatorie. Il primo sintomo della sofferenza della cartilagine, oltre al gonfiore, è la diminuzione dei movimenti; le attività di vita quotidiana come l'alzarsi da una sedia ed il camminare divengono difficoltose e dolorose.

Immagine artrosi articolare

Con il passare del tempo, il dolore dapprima presente con l’attività, compare anche senza di essa e rende difficile il riposo notturno.

L’artrite reumatoide provoca delle alterazioni chimiche del liquido sinoviale di natura infiammatoria, per cui il liquido sinoviale distrugge la cartilagine. Il risultato finale, oltre al dolore, è la perdita della cartilagine, e la rigidità articolare. L'artrite reumatoide colpisce le donne, tre volte più degli uomini e può riguardare anche altri organi.

L'artrosi post-traumatica può essere provocata da una lesione dell'articolazione non curata o non guarita perfettamente. La sintomatologia e l'esito della patologia sono le stesse dell'artrosi.

La necrosi avascolare può prodursi dopo un forte trauma o quando l'osso è privato del suo normale apporto di sangue (ad esempio a causa di un lungo trattamento con farmici a base di cortisone): la struttura ossea si indebolisce e può degradarsi causando dei danni alla cartilagine.

Tutte queste patologie - oltre ad essere per lo più caratterizzate dall'età - provocano fenomeni lesivi estesi della cartilagine che vanno distinti dalle lesioni circoscritte della cartilagine del ginocchio (dovute per lo più a traumi) che hanno una diversa sintomatologie e sono trattate in un'altra sezione.

Il trattamento e la cura

Il primo passo che un paziente affetto da tale sintomatologia deve compiere è intraprendere una terapia medica con anti-infiammatori, fisioterapia appropriata (rivolta sia al recupero o al mantenimento dell’articolarità sia all’attenuazione della sintomatologia dolorosa) e a volte utilizzo di un bastone. Si può associare una terapia infiltrativa con acido ialuronico, che lubrifica l'articolazione, ed eseguire delle artroscopie di pulizia dell'articolazione. E' consigliabile raggiungere un peso corporeo ottimale limitando l’apporto di grassi: la perdita di soli 2-3 chilogrammi di peso può diminuire il dolore; un’alimentazione adeguata dovrebbe includere calcio e vitamine E e C. E' opportuno esercitare una attività fisica anche modesta, mirata a mantenere l’ampiezza di movimento e a rinforzare i muscoli che circondano il ginocchio, come il nuoto e la cyclette. L'uso di una ginocchiera ed il ghiaccio possono ridurre il dolore.

Quando nonostante tali cure è impossibile controllare il dolore, ed il paziente inizia a sentirsi limitato nella normale vita di relazione, allora si può prendere in considerazione l'intervento chirurgico di impianto di una protesi. Va valutata l'anamnesi clinica del paziente, il grado di motricità e la forza muscolare delle ginocchia ed il movimento. Inoltre, verranno effettuate delle radiografie per determinare la superficie delle lesioni delle articolazioni delle ginocchia.

Ecco alcuni motivi che possono spingere alla decisione per l'intervento:

- Il dolore limita la vita quotidiana e la deambulazione;
- Il dolore è continuo anche a riposo, notte e giorno;
- Mancanza di stabilità sulla gamba malata;
- Mancanza di effetto degli anti-infiammatori o effetti collaterali degli anti-infiammatori (gastrite, ulcera, sanguinamento, ipertensione);
- Mancanza di effetto della fisioterapia;
- Perdita significativa del movimento.

Esempi radiografici di ginocchia affette da artrosi grave

Immagine Rx di un ginocchio affetto da artrosi grave

Artrosi Artrosi del ginocchio

L’intervento di protesi di ginocchio è volto a migliorare le condizioni di vita del paziente, alleggerendo il dolore, restituendo della mobilità, correggendo le deformazioni e la claudicazione e ristabilendo la lunghezza della gamba.

Dal punto di vista tecnico, con la protesi vengono sostituite le parti consumate dell'articolazione con un'articolazione artificiale realizzata in leghe metalliche e materiali plastici, che sostituisce il ginocchio ammalato in toto (protesi totale) o parzialmente (protesi monocompartimentale). La protesi è costituita da una componente tibiale e da una componente femorale, che vengono fissate all'osso attraverso l'impiego di cemento acrilico. Meno comune, a differenza della protesi d'anca, è l'impiego di componenti porose senza cemento. Sulla componente tibiale viene assemblato un inserto in polietilene, fisso oppure rotante a seconda del modello protesico. Va evidenziato che le nuove tecniche chirurgiche ed anestesiologiche consentono una sicurezza molto elevata per questo tipo di intervento.

Esempio di protesi di ginocchio (animazione)

Il paziente è in grado di riprendere una vita normale ed anche una cauta attività sportiva; alcune attività come la corsa, sport di contatto e sport che comportano salti ripetuti dovranno essere tuttavia evitati, perché possono condurre ad una precoce usura della protesi e limitarne quindi la durata.

Esempio radiografico di artroprotesi di ginocchio impiantata

Artrosi e protesi del ginocchio