ALLUCE RIGIDO

Molto diffusa tra atleti e ballerini, la patologia artrosica degenerativa dell’alluce rigido è la causa più frequente di chirurgia del piede nell’uomo. La perdita della normale mobilità articolare dell’alluce è accompagnata da dolore alla deambulazione.

La radiografia di entrambi i piedi in posizione eretta consente di porre la diagnosi e valutare l’entità del danno a carico dell’articolazione.

Come si cura l’alluce rigido?

Nei casi più lievi è possibile optare per un trattamento conservativo che prevede, in particolare, l’utilizzo di mezzi ortesici, come plantari o calzature ad hoc.

In caso di fallimento delle strategie conservative, l’approccio chirurgico è basato perlopiù su due tipi di intervento: la cheilectomia, una sorta di pulizia articolare, e l’artrodesi, che elimina totalmente il movimento articolare.

Nei casi più gravi, l’innesto di una protesi totale o parziale in sostituzione dell’osso dell’alluce, consente la risoluzione del dolore e il recupero di buona parte del movimento articolare.

Guarda i video di animazione 3D relativi all’alluce rigido e agli interventi di cheilectomia, artrodesi metatarso-falangea e protesi

Esempio di alluce rigido (animazione)



Esempio di chelotomia (animazione)



Esempio di artrodesi del I metatarso (animazione)



Esempio di intervento di protesi
(animazione)